Bilancio di un anno del nuovo Municipio

Creato: Martedì, 03 Maggio 2005
Non so se ci potevamo aspettare molto di più dal rinnovato Municipio, che resta pur sempre l’espressione dei partiti storici e del loro modo tradizionale di gestire la politica . Nonostante il ringiovanimento non è del tutto scomparsa quella certa arroganza tipica dell’esecutivo bellinzonese, emersa ad esempio nel rifiuto di rispondere in Consiglio comunale alle nostre domande.
Inoltre, anche di fronte all’evidenza ed a documentati interventi, il Municipio fa fatica ad accettare opinioni e proposte che vengono da Bellinzona vivibile, visto solo come rompiscatole d’opposizione da sopportare.
Continua quindi a rifiutare una vera politica sociale (anziani soli, ...) e ambientale (trasporti pubblici, ciclopiste, città amica delle foreste,...), anche se sui platani di Piazza Simen, è comunque stato in grado di distanziarsi da decisioni del precedente Municipio.
D’altra parte la mancanza di personalità e di competenze specifiche di alcuni suoi membri sembra abbia reso il nuovo Muncipio ancora più succube di alcuni funzionari (segretario comunale in testa), che oltretutto percepiscono stipendi sproporzionati alle loro effettive capacità e competenze. La vicenda dei telefonini, le decisioni ed i verbali non conformi alle leggi, la bozza incompleta di risposta ad un’interrogazione inviata come versione definitiva o le piante secolari tagliate recentemente all’insaputa del capo dicastero, rappresentano solo la punta dell’iceberg.
Pensando infine a chi cerca maldestramente di evidenziarsi con personali iniziative estemporanee e chi invece sembra non esistere neanche quando vengono sollevati argomenti di fondo del suo dicastero, come lo spostamento a Sementina della nuova casa per anziani, non possiamo che augurarci un miglioramento per i prossimi anni.
Visite: 4123