Bellinzona : sperperi nelle opere pubbliche

Creato: Domenica, 10 Novembre 2013
Di fronte alle difficoltà finanziarie il Municipio di Bellinzona, dopo aver chiamato alla cassa i dipendenti, ha preannunciato altri sacrifici. Purtroppo si costata che l’esecutivo non si accorge che, per contro, potrebbe ridurre la spesa nelle opere pubbliche, evitando sprechi e grazie ad un maggiore controllo dei costi e del coordinamento esecutivo.
L’ennesimo esempio concreto è rappresentato dalla ristrutturazione esterna dell’ex- infermeria recentemente approvata a maggioranza dal Consiglio comunale.

Leggi tutto...

La « coerenza » dei PPDini bellinzonesi

Creato: Domenica, 10 Novembre 2013
Nella seduta del 17 giugno 2013 del Consiglio comunale di Bellinzona i consiglieri comunali PPD si sono particolarmente distinti per la loro spiccata incoerenza nel modo di pensare e di agire.
Ha iniziato il capogruppo che, dopo un intervento molto critico sui Consuntivi 2012, ha però indicato che loro avrebbero comunque votato compatti a favore degli stessi, come sottolineato anche dalla stampa (“le voci fuori dal coro sono state quelle del PPD, che comunque ha approvato il consuntivo, e di Bellinzona vivibile che invece l’ha bocciato”, CdT e GdP).

Leggi tutto...

Asfaltopoli alle Semine

Creato: Lunedì, 01 Aprile 2013
Lunedì 25 marzo il Consiglio comunale di Bellinzona ha approvato il progetto di sistemazione viaria che prevede l’ampliamento e la completazione delle Vie Trezzini, Rodari e Chicherio. Se un intervento è richiesto da tempo e senz’altro auspicabile, quello proposto mi sembra del tutto inadeguato, sia per i costi (oltre tre milioni e mezzo di franchi, in un momento di particolari ristrettezze finanziarie), che per l’impatto devastante sul quartiere e per il traffico che sarà indotto su queste strade dalle nuove costruzioni (in primis il comando della polizia).
Ad esempio mi chiedo perché allargare le strade fino a calibri totali di metri 8.60, rispettivamente 7.80, con ingenti spese di espropriazione, sistemazione, pavimentazione e successivamente anche di manutenzione, per poi restringerle artificialmente introducendo misure di moderazione del traffico per adeguarle alla zona 30? Per le necessità di incrocio sarebbero più che sufficienti delle piazzuole di interscambio.

Leggi tutto...