Salviano l’area verde dell’ex-campo militare

Creato: Mercoledì, 09 Marzo 2011
Un’area ancora verde nelle immediate vicinanze del Centro cittadino è un bene unico e prezioso, invidiatoci dalle altre città, da preservare per le generazioni future e da mettere a disposizione di tutta la collettività.

Solo grazie all’impegno e alla perseveranza di un gruppo di cittadini si è finora riuscito a salvare l’area verde dall’assalto del cemento (vedi progetti di svincoli autostradali, di posteggio, di strade di attraversamento e di urbanizzazione generale).

La tecnica delle fette di salame in parte già messa in atto anche nella zona, porterà lentamente alla sparizione di tutto l’ex-campo militare.

Purtroppo il parere di 3’230 firmatari della petizione inoltrata nel 2003 (non vincolante come iniziative e ricorsi) è stato totalmente ignorato dal Municipio., che calpesta persino una sentenza del TRAM, tollerando il parcheggio abusivo.

Il prato è lasciato appositamente all’incuria per continuare ad utilizzarlo come posteggio e per influenzare l’opinione pubblica e spingerla ad approvare progetti di cementificazione per “sistemare” il terreno.

Per la nuova sede dell’IRB esistono numerose altre ubicazioni possibili, addirittura più confacenti alla sua effettiva attività lavorativa.
La scelta proposta dal Municipio è semplicemente il “cavallo di Troia” per iniziare l’occupazione e l’edificazione dell’area e ripresentare poi ulteriori proposte per ora congelate.

Con il lancio dell’iniziativa “Parco Grande” (www.parcogrande.ch), Municipio e Consiglio comunale ci obbligano anche a raccogliere le firme per il Referendum contro la Variante di PR approvata dal CC, per permettere a tutti i cittadini di pronunciarsi sul futuro di una zona tanto importante e pregiata di Bellinzona.

Firmate quindi sia l’Iniziativa che il Referendum! Visite: 3138