Referendum contro l'urbanizzazione di Pratocarasso

Creato: Sabato, 13 Febbraio 2010

Bellinzona Vivibile e i Verdi hanno deciso di lanciare il referendum contro l’urbanizzazione di Pratocarasso. In questo modo si intende dare alla popolazione bellinzonese la possibilità di decidere in prima persona della destinazione di un’importante comparto cittadino.

I motivi che spingono Bellinzona Vivibile e i Verdi ad opporsi alla decisione del Consiglio comunale sono da cercare nella necessità di un’impostazione dell’urbanizzazione cittadina che tenga conto di un uso parsimonioso del territorio e delle risorse e dall’altra nell’inutilità del progetto che non rappresenta una priorità per Bellinzona.

Da decenni il numero degli abitanti della nostra città è stabile (attorno ai 17'000 abitanti). Inoltre la disponibilità di terreno edificabile è di gran lunga superiore ai bisogni: oggi ci sono ancora nella nostra città ben 110’000 m2 di terreno edificabile non ancora edificato, cioè più di quanto se ne vorrebbe aprire nel nuovo comparto di Pratocarasso. Si tratta di un quantitativo abbondantemente sufficiente per un’eventuale crescita sostenibile del numero di abitanti nei prossimi decenni.

Se poi consideriamo che molti dei terreni già edificati lo sono in misura inferiore alle loro possibilità ci si rende conto come si possa e si debba tendere ad una maggiore densità abitativa in vicinanza del centro piuttosto che aprire nuove zone discoste.

D’altra parte i diversi importanti ed urgenti progetti che la città ha intrapreso (in particolare Casa Anziani, Centro MEP, passerella di Galbisio, parchi gioco, …) o che dovrebbe urgentemente intraprendere (potenziamento dei mezzi pubblici, ciclopiste e traffico lento), esigono di non disperdere le già poche risorse disponibili in progetti non prioritari.

Ma soprattutto Bellinzona Vivibile e i Verdi sono convinti che un progetto di questa importanza, che potrebbe condizionare il futuro della nostra città necessita di un dibattito pubblico e di una decisione dell’intera popolazione e non solo del ristretto gremio del Consiglio comunale.

Formulario per la raccolta delle firme

Visite: 3120