Referendum contro la variante di PR del comparto di Via Tatti

Creato: Domenica, 10 Novembre 2013
4 argomenti per opporsi all’urbanizzazione di Via Tatti e firmare e far firmare il Referendum lanciato dai Verdi (vedi comunicato e formulario raccolta firme).

Aumento delle zone edificabili
Oggi la pianificazione delle zone in esame è sospesa e grazie a questo fatto la zona è rimasta ancora verde e fondamentalmente utilizzata a scopo agricolo, analogamente a quella molto più ampia di Pratocarasso, la cui pianificazione è stata bocciata in votazione popolare 3 anni fa.
Già in quell’occasione e a più riprese anche in seguito avevamo espresso coerentemente la convinzione di principio di opporsi a qualsiasi trasformazione di zone di fatto agricole in zone edificabili, anche perché oggi a Bellinzona abbiamo ancora numerose zone edificabili già pianificate e non ancora edificate.
Queste trasformazioni erano già rimesse in questione dalla scheda No. 7 del Piano direttore.
Dal 3 marzo scorso questo principio è supportato anche dall’esito della votazione federale sulla pianificazione del territorio, che ha stabilito chiaramente che le zone edificabili sovradimensionate devono essere ridotte e ritengo che anche Bellinzona debba da subito adeguarsi alla volontà popolare, senza scappatoie o sotterfugi, anche se manca ancora l’ordinanza di applicazione attualmente in consultazione.

Perdita del plusvalore
Attualmente, nell’ambito della Legge sullo sviluppo territoriale è in consultazione la legge di applicazione cantonale sulla compensazione di vantaggi derivanti dalla pianificazione del territorio.
La stessa prevede per un’equità giuridica e la parità di trattamento l’introduzione di un contributo di plusvalore del 40%, che verrebbe equamente suddiviso tra Cantone e Comune.
Un’eventuale approvazione della variante di PR prima dell’entrata in vigore della legge comporterebbe la rinuncia ad una notevole entrata finanziaria per il Comune, proprio in un momento di ristrettezze finanziarie e di sacrifici già attuati e prospettati dal Municipio.

Legame con il semisvincolo
Lo sviluppo ed eventuale urbanizzazione della zona è strettamente legata all’eventuale realizzazione del semisvincolo autostradale. Attualmente la stessa è sub-judice per cui è perlomeno doveroso attendere l’esito dei ricorsi prima di pianificare definitivamente in quella zona.

Il progetto aggregativo
Uno dei punti importanti non solo in un’eventuale futura aggregazione, ma per qualsiasi progetto di collaborazione e di convivenza all’interno dell’agglomerato, è la pianificazione coordinata del territorio, che purtroppo è mancata totalmente nel passato. Ora proprio nell’ottica del progetto aggregativo risulta fondamentale perlomeno una pausa di riflessione per tutto quello che riguarda pianificazione e varianti di PR, anche per rispetto degli altri partner coinvolti. Visite: 1623