Gestione rifiuti ingombranti

Creato: Domenica, 23 Dicembre 2012
Seduta del 20 marzo 2012 – Mozione No. 278 – Gestione rifiuti ingombranti

La nostra mozione sottolinea l’importanza della raccolta differenziata e del riciclaggio dei rifiuti, che si vogliono incentivare, le difficoltà per le persone anziane o senza mezzi di trasporto di raggiungere il Centro di raccolta di Carasso e l’auspicio  che mobili ed oggetti ancora in buono stato possano venir riutilizzati, evitando lo spreco di materiali e risorse.
In generale sia le commissioni che il Municipio riconoscono la fondatezza delle nostre argomentazioni, ma poi giungono solo in parte alle stesse conclusioni.
Tutti sottolineano che associazioni quali Caritas, Emmaus e Area ritirano già a domicilio mobili ed oggetti ancora utilizzabili. Si dimenticano però che non tutto viene ritirato gratuitamente e rimesso in vendita nei loro depositi. Ad esempio diversi tipi di mobili non di stile moderno non vengono più ritirati, anche se ancora in ottimo stato. Tutto il resto viene ritirato solo a pagamento.
Non riteniamo corretto che il Comune, che incassa comunque da tutti i cittadini la tassa rifiuti, oltre a tutte le imposte, non debba più offrire loro un servizio di raccolta.
Se, per motivi di ordine pubblico comunque discutibili, si ritiene di dover scartare a priori qualsiasi tipo di raccolta generalizzata a domicilio, ci sembra importante di prevedere almeno un servizio su chiamata per le persone bisognose.
D’altra parte, e contrariamente a quanto viene affermato,  riteniamo che già oggi, anche se a titolo provvisorio e sperimentale in attesa del futuro MEP, sarebbe possibile depositare mobili e oggetti in uno dei locali vuoti dell’ex-birreria invece di buttarli alla rinfusa nei cassoni.
Sulla base di queste considerazioni proponiamo di modificare leggermente i punti della nostra mozione, che assumerebbero la formulazione seguente:
•    Organizzare una raccolta a domicilio degli ingombranti una o due volte all’anno o prevedere perlomeno un servizio gratuito su chiamata.
•    Creare a titolo provvisorio e sperimentale uno spazio nel Centro custodito di Carasso dove possono essere depositati mobili ed altri oggetti ancora utilizzabili, permettendone il ritiro ai cittadini interessati.
Invitiamo inoltre il presidente a mettere in votazione separatamente i due punti, come suggerito dalla Commissione della legislazione, e invitiamo comunque il Consiglio comunale ad accettarli entrambi. Visite: 3951