Progettazione MEP

Creato: Domenica, 23 Dicembre 2012
Seduta del 13 febbraio 2012 :MMN 3633 MEP progettazione definitiva

Sulle necessità di nuovi magazzini comunali, caserma dei pompieri ed ecocentro e sulla loro ubicazione più periferica non ci sono dubbi e su questo siamo tutti d’accordo. Le perplessità ancora una volta nascono però dai tempi, dalle procedure, dai progetti e dai relativi costi.
Da anni si insiste sull’urgenza di questa realizzazione,  ma poi il Municipio adotta procedure discutibili, presenta bandi di concorso non conformi che, sulla base di un semplice ricorso, il TRAM deve annullare facendo perdere ulteriore tempo prezioso.
Tra l’altro alcune delle perplessità espresse già nel dicembre del 2008, al momento dell’approvazione della progettazione di massima, hanno poi avuto piena conferma, nonostante le difese di allora del municipale Tettamanti.

Ora siamo alla progettazione definitiva. Già in passato per altri progetti avevo espresso le mie perplessità sul costo esorbitante di una progettazione definitiva quando già ne esiste una di massima.
Spero evidentemente che tra i problemi che i progettisti dovranno risolvere non ci sia solo quello degli accessi (il solo esplicitamente citato da Tettamanti nel 2008), ma ciò nonostante il cittadino comune non riesce certamente a capire che per una progettazione definitiva sulla base di una di massima già esistente siano necessari quasi 3 milioni di franchi (più del 12% del costo totale dell’opera). Se a questa somma aggiungiamo poi quanto già speso finora per consulenze  e progetto di massima e gli oneri della direzione lavori che interverranno durante la costruzione, si arriverà probabilmente al doppio dell’usuale proporzione  del 10% di questi costi nel totale dei grandi progetti di costruzione come questo.
 
La tabella indicativa dei  termini contenuti  nel messaggio indica approssimativamente un lavoro di 6 mesi. Anche supponendo che l’architetto e l’ingegnere si occupassero in questo tempo esclusivamente di questo progetto (che non sarà certamente il caso), e anche tenendo conto che vengano coinvolte altre persone del loro studio, 1'150’000.-, rispettivamente 535'000 franchi di onorari sono assolutamente sproporzionati.

Gli enormi costi si ripercuotono poi anche sulle presunte necessità di compensarli con entrate straordinarie. Sia il messaggio che il rapporto della Commissione della Gestione condizionano l’esecuzione dell’opera alla vendita dei sedimi attualmente occupati e quindi riteniamo che ciò sia vincolante con l’accettazione del messaggio.
Già più volte in passato ci siamo opposti alle vendite (o “svendite”) di preziosi beni comunali (i cosìddetti gioielli di famiglia) ed è un principio sul quale non ci sentiamo di rinunciare per nessun motivo. Invito Taminelli ad andare a rileggere le nostre precedenti prese di posizione che non erano certamente legate ai tempi elettorali, ma anche Denis Rossi al quale dico che ci possono essere anche altre idee e progettualità, legittime come le sue.
Su parte di quei sedimi potrebbero ad esempio sorgere appartamenti protetti o in affitto a pigione moderata promossi direttamente dal Comune o eventualmente da associazioni no-profit con la concessione di un diritto di superficie. Queste sono le effettive necessità di Bellinzona, non certo quelle di fomentare la speculazione edilizia o scialacquare beni preziosi che continuano ad aumentare di valore.

Da ultimo mi sembra che recentemente il Comune di Arbedo Castione abbia ventilato l’idea di una possibile collaborazione per la costruzione sul suo territorio di un Centro analogo, perlomeno per i pompieri. Al di là delle possibili future aggregazioni, una collaborazione più intensa tra i comuni del Polo che possa ridurre doppioni e relativi costi non può che essere auspicabile. Invece di pensare, come dice il messaggio, a recuperare poi una parte dell’investimento tramite i Comuni serviti dal Corpo pompieri, perché non accettare l’offerta di Arbedo e cercare fin da subito una maggiore collaborazione per ridurre i costi del progetto?
Mi sembra che ci siano motivi sufficienti per non approvare questo Messaggio. Visite: 3970