Preventivo 2010

Creato: Mercoledì, 24 Marzo 2010

Seduta CC del 24.03.2010: MMN 3484

Prima di entrare nel merito del Preventivo devo fare una puntualizzazione su alcuni degli interventi di chi mi ha preceduto.
Qualcuno ha parlato di sceneggiata di lunedì alle 22.30, cercando di colpevolizzare altri, ma quello che tutti hanno notato è che erano proprio Taminelli e Zanetti che volevano far credere che la loro presenza oggi fosse inderogabile.
Vedo con piacere che nel frattempo hanno dato priorità all’impegno di consiglieri comunali rispetto a qualsiasi altro, ma mi chiedo se in gruppi di 9, rispettivamente 15 membri siano proprio così indispensabili ed insostituibili. Che ci stanno a fare gli altri loro colleghi di partito?

Taminelli, già lunedì, ha poi fatto tutta una serie di critiche e sottintesi sul Comitato Referendario di Pratocarasso. Visto che si ritiene persona indispensabile, vorrebbe forse mettere il suo zampino anche nel nostro Comitato?
Viviamo in un regime democratico e penso che ogni cittadino sia libero di appoggiare a modo suo una campagna su un tema tanto importante per la città. Che i cartelloni fossero opera di una persona particolare e non del Comitato, era emerso chiaramente dalla stampa, e il nostro Comitato non ha certo l’abitudine di lavorare con metodi censori come quelli che apparentemente Taminelli usa con i suoi colleghi di partito.

Tornando ora al Preventivo vorrei molto brevemente giustificare il voto contrario del nostro Gruppo di Bellinzona Vivibile e I Verdi.
Senza dimenticare i soliti ritardi nella loro approvazione, ad anno ampiamente iniziato da quasi un trimestre, i motivi per opporsi a questi preventivi sono molteplici, alcuni dei quali oramai ricorrenti di anno in anno.
Tra le opere previste ce ne sono diverse contro le quali ci siamo sempre opposti in varie forme, anche lanciando un referendum. Basterebbe citare l’urbanizzazione di Pratocarasso, le dismissioni di proprietà comunali, la proposta dell’occupazione dell’ex-campo militare, il progetto di stadio in Via Tatti, la chiusura della clinica dentaria, ma anche il contributo ricorrente di fr. 828'000.- alla Commissione regionale dei trasporti del Bellinzonese, del quale nessuno fa oramai più cenno. Ricordo che quest’ultimo contributo non serve per le spese correnti di quella commissione, ma era previsto, in special modo, per le opere future del Piano dei trasporti ed in primis per il nuovo semisvincolo. Sappiamo che i cittadini di Bellinzona hanno bocciato in votazione popolare questo semisvincolo e non possiamo certo accettare questo stratagemma per realizzarlo comunque senza più passare per il Consiglio comunale e di conseguenza sottostare ad un possibile Referendum popolare. Oltretutto, visto che sembra che la competenza sia ora passata addirittura alla Confederazione ed al suo Ufficio federale delle strade, ci si può chiedere se ha ancora senso, anche per chi sostiene quell’opera, versare soldi a quello scopo alla Commissione regionale dei trasporti, quando la nostra città non riesce nemmeno a finanziare il posteggio di attestamento in via Tatti previsto dal Piano e condizione preliminare ed indispensabile per un’eventuale realizzazione del semisvincolo.
Evidentemente tutti coloro che come noi sono contrari anche solo a qualcuna delle importanti opere preventivate dovrebbero coerentemente bocciare questo preventivo o al massimo proporre sostanziali emendamenti, non certo di pura cosmesi come quelli della Commissione della gestione. Non riesco quindi a capire come diversi di voi, che si siano o meno espressi, possano votare invece a favore, restando contrari a quelle opere, parte integrante del Preventivo stesso e pur non avendo trovato sostanza nel documento stesso ed avendolo criticato in numerosi punti.
 

Visite: 5551